Skip to main content

Chi siamo

Innanzitutto siamo una Comunità che crede nel primato della coscienza e nel valore di ciascuna persona. Per questo motivo ci attiviamo per rafforzare le azioni pacifiste e nonviolente alternative alla difesa armata e al servizio militare. In modo tale da favorire comportamenti che alimentano una cultura di costruzione attiva della pace.

Siamo una Comunità che si impegna affinché il servizio civile, conquista raggiunta in Italia grazie alle lotte degli Obiettori di coscienza al servizio militare, sia sempre più una modalità efficace, popolare e di massa di difesa civile, non armata e nonviolenta praticata in prima persona.

Con questa iniziativa vogliamo valorizzare la memoria e la conoscenza di quanto gli obiettori di coscienza e le operatrici e gli operatori del servizio civile, nel mezzo delle tragedie causate dalle guerre, dal fascismo e dal terrorismo, hanno realizzato ed elaborato per favorire lo sviluppo della mobilitazione popolare e della cittadinanza attiva con metodi democratici e nonviolenti.

La base della documentazione presente nel sito proviene prevalentemente dal lavoro documentale collettivo confluito nel blog www.obiezionedicoscienza.org (pubblicato dal 2021) grazie alla paziente raccolta operata da Claudio Pozzi negli anni precedenti e dall’archivio del C.E.S.C. primo coordinamento di enti di servizio civile costituitosi in Italia nel 1982 per organizzare meglio le attività e la formazione dei giovani obiettori di coscienza.

Entrambi i fondi sono stati donati al CESC Project che, onorato di questa responsabilità, si adopera con impegno per valorizzarli e implementarli al meglio. Abbiamo scelto con orgoglio di mantenere la stessa felice denominazione voluta da Claudio Pozzi.

Nella sezione del sito “Ringraziamenti” troverete i nomi di chi fino ad oggi si è unito al nostro cammino.

Il progetto è un cantiere aperto per cui chiunque ne condivide le finalità è il benvenuto.