Skip to main content

Manifesti relativi all’obiezione di coscienza e al servizio civile

In questa categoria sono presenti manifesti che testimoniano una stagione di mobilitazione e lotte del movimento degli obiettori di coscienza, dalla fine degli anni sessanta agli anni ottanta, non solo in Italia.

Sono gli anni in cui la scelta dell’obiezione si incardina in un movimento di opinione e un movimento organizzato che denuncia il pericolo della guerra per l’umanità e insieme quali siano le concrete minacce del militarismo alla crescita dello spazio di libertà, dei diritti e del dispiegamento di una società autenticamente democratica.

 C’è anche un manifesto che testimonia delle lotte successive e delle iniziative organizzate di boicottaggio fiscale per le spese militari negli anni ottanta.
dicembre 1969

Processano Lino Taschini e Iginio Baudo, obiettori di coscienza

22 gennaio 1972

Quando la Patria chiama rispondiamo Signornò

  • Fonte:

    Fondo personale di Claudio Pozzi

maggio 1972

Cartolina: “All’esercito dei padroni si risponde signornò”

L’esercito è un pilastro del sistema.

  • Fonte:

    Fondo personale di Claudio Pozzi

maggio 1972

Manifesto: “All’esercito dei padroni si risponde signornò”

L’esercito è un pilastro del sistema.

1973

Chiamata al servizio civile della classe 1955

Hai solo 60 giorni per dire no all’esercito

1976

Contro le guerre, contro gli eserciti, per il socialismo, obiettiamo

gennaio 1977

Per un servizio civile smilitarizzato, per il deperimento degli eserciti

5° congresso nazionale degli obiettori di coscienza

1982

Chiamata alla pace

Il servizio civile in Italia
Il volontariato internazionale
Il volontariato per tutti

1982

Non andare figlio coi signori della guerra

1983

Obiezione fiscale concreta strategia di pace

1983

Ni mort, ni kaki… objecteur!

Le service militaire n’est pas obligatoire, un statut de l’objection de conscience existe.

1983

Una vittoria di tutti